Navigation

Fluorescence Imaging

Nella chirurgia mininvasiva, le procedure di imaging in fluorescenza consentono di visualizzare ciò che non è visibile in normale luce bianca.

L’autofluorescenza (AF) sfrutta le proprietà fluorescenti endogene della mucosa per poter distinguere precocemente i tumori maligni della mucosa dai tessuti benigni.
Con la diagnostica fotodinamica (PDD) è possibile rilevare l’accumulo patologico di prodotti porfirinici fluorescenti nei tumori della vescica e disporre quindi un trattamento più rigoroso di queste neoplasie.
L’imaging di fluorescenza nel vicino infrarosso (NIR) amplia lo spettro di diagnosi e consente di valutare la perfusione di organi e tessuti e di visualizzare le vie biliari, oltre a fungere da supporto visivo alla diagnosi dei linfonodi. Un’ulteriore tecnica è quella che prevede l’uso del verde di indocianina (ICG).
Gli elementi cardine di queste procedure diagnostiche sono le fonti di luce D-LIGHT, sistemi ottici appositamente realizzati e i nostri sistemi di telecamera HD.

Le procedure in fluorescenza unite all’impiego del nuovo sistema di telecamera IMAGE1 S costituiscono un ulteriore strumento visivo diagnostico che aiuta il chirurgo nelle sue decisioni.

Highlights

KARL STORZ – Vicino infrarosso (NIR/ICG)

Scopri le nuove sfaccettature della luce!

Il sistema di fluorescenza nel vicino infrarosso (NIR/ICG) realizzato da KARL STORZ permette di visualizzare ciò che non è visibile con normale luce bianca. Il vicino infrarosso rende visibile il mezzo di contrasto ICG (verde di indocianina).

Caratteristiche particolari:

  • Adatto all’imaging con luce bianca standard e in fluorescenza
  • Modalità di fluorescenza con illuminazione dello sfondo
  • Passaggio rapido dalla modalità luce bianca alla modalità ICG e viceversa
  • Sistemi ottici per interventi in endoscopia e a cielo aperto
  • Illuminazione ed esaltazione del contrasto ottimali
Valutazione della perfusione di un tratto di intestino crasso in un paziente con carcinoma intestinale
Valutazione della perfusione di un tratto di intestino crasso in un paziente con carcinoma intestinale – Fonte: Prof. Luigi Boni, Università degli Studi dell’Insubria, Varese, Italia

La valutazione della perfusione di un tratto intestinale con il supporto del sistema di fluorescenza nel vicino infrarosso (NIR/ICG) KARL STORZ è un’operazione semplice e veloce. Il monitoraggio dell’istantanea diffusione dell’ICG nel tessuto permette di identificare facilmente le regioni ischemiche. I medici che utilizzano il sistema sono soddisfatti dei risultati ottenuti.

  • La diagnosi diretta intraoperatoria riduce la durata dell’intervento
  • Rapida valutazione della perfusione dell’area di resezione prevista
  • Le anomalie della perfusione possono essere identificate mediante l’uso di ICG ai fini della resezione
  • I “punti di repere” al di sotto della superficie del tessuto possono essere visualizzati in tempo reale
Colangiografia in fluorescenza durante colecistectomia
Colangiografia in fluorescenza durante colecistectomia – Fonte: Prof. Luigi Boni, Università degli Studi dell’Insubria, Varese, Italia

L’ICG somministrato per via endovenosa si concentra nel sistema delle vie biliari. Il sistema di fluorescenza nel vicino infrarosso KARL STORZ stimola l’ICG accumulato a rilasciare fluorescenza, permettendo di identificare rapidamente l’anatomia delle vie biliari. Premendo un pulsante è possibile alternare in modo rapido la visualizzazione in modalità luce bianca e fluorescenza ed eseguire le colecistectomie in modo semplice e rapido sia per via laparoscopica sia a cielo aperto.

  • Riduzione della durata degli interventi con l’uso di ICG rispetto alla colangiografia intraoperatoria
  • La visualizzazione delle vie biliari mediante ICG permette di distinguere con certezza il dotto cistico, il coledoco e la vena porta
  • Visualizzazione delle perdite intraoperatorie mediante ICG
  • Possibilità di integrare perfettamente chirurgia a cielo aperto e chirurgia mininvasiva utilizzando lo stesso sistema telecamera e sostituendo solo i sistemi ottici
  • La soluzione “all-in-one” consente di eseguire interventi per via endoscopica, laparoscopica o a cielo aperto
Colectomia laparoscopica del colon trasverso con linfoadenectomia assistita da fluorescenza
Colectomia laparoscopica del colon trasverso con linfoadenectomia assistita da fluorescenza – Fonte: Prof. Luigi Boni, Università degli Studi dell’Insubria, Varese, Italia

La visualizzazione dei vasi linfatici è di grande supporto in molti campi di applicazione. Il sistema di fluorescenza nel vicino infrarosso (NIR/ICG) KARL STORZ consente di visualizzare l’ICG presente nei vasi linfatici. I medici che utilizzano questa tecnica di fluorescenza apprezzano in particolar modo la possibilità di controllo visivo e la guida sotto controllo ottico.

  • Il vicino infrarosso favorisce l’individuazione intraoperatoria sia dei linfonodi sentinella sia dell’intero sistema linfatico
  • Visualizzazione non irradiante dei vasi linfatici emissari e dei linfonodi in caso di sviluppo di metastasi linfogene
  • Facilita la resezione in blocco dei linfonodi
  • Alta percentuale di risultati rispetto ai metodi consolidati di visualizzazione dei linfonodi
Anastomosi endoscopica del colon – Fonte: Prof. Luigi Boni, Università degli Studi dell’Insubria, Varese, Italia (immagine endoscopica)
Anastomosi endoscopica del colon – Fonte: Prof. Luigi Boni, Università degli Studi dell’Insubria, Varese, Italia (immagine endoscopica)

Il sistema KARL STORZ del vicino infrarosso (NIR/ICG) consente di verificare la vascolarizzazione del tratto del colon. I chirurghi laparoscopici non possono controllare l’anastomosi tramite palpazione, ma la possono verificare tramite controllo ottico. L’angiografia a fluorescenza NIR/ICG rappresenta in questo campo una soluzione intraoperativa in tempo reale.

L’angiografia a fluorescenza NIR/ICG si esegue in modo rapido e semplice: per verificare una sufficiente vascolarizzazione l’operatore identifica le zone sane dei segmenti intestinali prima della sutura con clip e ancora una volta appena dopo la realizzazione dell’anastomosi. Dopo aver iniettato intravenosamente la sostanza fluorescente ICG, illuminandolo con la luce di vicino infrarosso, si può facilmente distinguere il tessuto ben vascolarizzato da quelli delle zone ischemiche. In questo modo vegnono confermate all’operatore le zone dei segmenti intestinali ben vascolarizzati. In caso contrario il chirurgo può riposizionare l’anastomosi.

Secondo i dati del WHO (World Health Organization), nel 2012 sono morti a livello mondiale più di 694.000 persone per cancro colorettale: questo tipo di cancro è al terzo posto per frequenza. Nella maggior parte dei casi l’unica terapia possibile è un intervento chirurgico radicale.

Un’anastomosi colorettale riuscita è un fattore essenziale per la guarigione da interventi chirurgici radicali. La vascolarizzazione dei segmenti intestinali dell’anastomosi è difficile, un leckage dell’anastomosi (AL) per anastomosi coliche e rettali è del 7,2%, mentre solo per quello rettale è del 8,8%1. Questo ha per conseguenza un tasso di mortalità del 6 – 22% ed un tasso di morbidità del 56%, rispetto a pazienti senza leckage dopo un’anastomosi colorettale2.

L’angiografia a fluorescenza con vicino infrarosso KARL STORZ (NIR/ICG) consente di delimitare le aree ischemiche. Uno studio attuale3 mostra una riduzione allo 0% del rischio di leckage dell’anastomosi utilizzando durante l’operazione un sistema di imaging NIR/ICG per l’analisi della perfusione.

1. Pommergaard HC, et al. Colorectal Dis. 2014.
2. Daams F, et al. World J Gastroenterol. 2013.
3. Boni L, et al. Surg. Endos. 2015.

Fonte: Prof. Boni, Università degli Studi dell’Insubria, Varese, Italia (immagine endoscopica)

Grazie al sistema a vicino infrarosso KARL STORZ (NIR/ICG e al marker al verde di indocianina (ICG) è possibile visualizzare in modo non radioattivo ed in tempo reale l’intero sistema linfatico intorno al tumore.

Il sistema offre i seguenti vantaggi:

  • Detezione non radioattivo dei linfonodi
  • Applicazione multidisciplinare
  • Tecnologia basata sullo Xenon (non sono necessarie le misure preventive del laser)
  • Commutazione intuitiva tra luce bianca standard e modalità a fluorescenza tramite interruttore a pedale
  • I medici riportano le seguenti esperienze:
    Con il sistema NIR/ICG è possibile eseguire una linfadenectomia meno radicale e nel contempo, grazie al controllo ottico, agevolare la resezione in blocco dei linfonodi.

* Il verde di indocianina iniettato in modo intradermico nei nodi sentinelle è permesso in Italia (cancro al seno), Giappone e Russia. È necessario informarsi sulla possibilità di utilizzare ICG Off-label nel Vostro ospedale/ nel Vostro Paese.

Fonte: Prof. Cadière, Università di Saint-Pierre, Bruxelles, Belgio (immagine endoscopica)

In ginecologia conoscere ed osservare i linfonodi sentinella (SLN) è di grande importanza, per avere informazioni mediche precise sulla stadiazione tumorale e e formulare la prognosi. La detezione di SLN-tramite tracer radioattivo 99mTc è il gold standard nella chirurgia della mammella. Negli altri campi della chirurgia tumorale ginecologica si discute sui suoi vantaggi rispetto alla dissezione elettiva dei linfonodi. In questo campo l’imaging con sistema NIR a ICG può rappresentare un aiuto prezioso in qualità di nuova tecnica non radioattiva.1
Per SLN nel carcinoma dell’endometrio si hanno sinora i seguenti risultati (Tracer radioattivo 99mTc vs. ICG):

  Tracer radioattivo 99mTc ICG
Tasso detezione SLN completo SLN bilaterale Tasso detezione SLN generale SLN bilaterale
Studio 12  83 %  61 %  95,5 %  95,5 %

1 Papadia et al., Silverbroschüre, Sentinel-Lymphknotenmapping mit NIR/ICG-Fluoreszenzbildgebung bei malignen Tumoren in der Gynäkologie (ISBN 978-3-89756-931-7)
2 Imboden et al., Surg. Oncol. 2015

Fonte: Prof. Boni, Università degli Studi dell’Insubria, Varese, Italia (immagine endoscopica)

La visualizzazione con fluorescenza del sistema linfatico tramite sistema NIR/ICG di KARL STORZ viene applicata in molte discipline mediche di diverso tipo. Nella letteratura vengono riportati i seguenti esempi:

Urologia 1,2:

  • Carcinoma della prostata
  • Carcinoma del pene

Chirurgia generale 3,4:

  • Carcinoma colorettale
  • Carcinoma del pancreas
  • Carcinoma dello stomaco

1 Jeschke et al. 2012
2 Hruby et al. 2015
3 Boni et al. 2014
4 Boni et al., Silverbroschüre, NIR/ICG-Fluoreszenzbildgebung in der laparoskopischen Chirurgie (ISBN 978-3-89756-933-1)

Fonte: Dr. García Valdecasas, Hospital Clínic de Barcelona, Spagna
  • Anche per la visualizzazione del sistema linfatico in chirurgia aperta KARL STORZ offre un eccellente esoscopio: VITOM® II ICG. VITOM® II ICG si può utilizzare con il sistema NIR/ICG.
    Consente in diverse discipline mediche (ad es. in ginecologia nel carcinoma della mammella) la detezione dei linfonodi con fluorescenza anche nella chirurgia aperta
  • È possibile integrae l’esoscopio con un braccio autostatico nel campo operatorio del chirurgo
  • Per ottenere un migliore risultato si può attivare la modalità di visualizzazione SPECTRA A; il questo modo si ha un aumento del contrasto delle immagini

Ulteriori informazioni sulla specializzazione

ICG-Enhanced Fluorescence-Guided Laparoscopic Surgery

ICG-Enhanced Fluorescence-Guided Laparoscopic Surgery

Tipo di media:
Manuale da medico a medico
Lingue disponibili:
D, E
Versione:
0.20 11-2016
Numero:
96265002E
Specializzazioni:
Fluorescence Imaging
Near-Infrared Endoscopy with Indocyanine Green in Otolaryngology

Near-Infrared Endoscopy with Indocyanine Green in Otolaryngology

Tipo di media:
Manuale da medico a medico
Lingue disponibili:
D, E
Versione:
0.76 11-2016
Numero:
96265003E
Specializzazioni:
Fluorescence Imaging
Fluorescence Imaging - Near Infrared (NIR/ICG)

Fluorescence Imaging - Near Infrared (NIR/ICG)

Tipo di media:
Video, Teaser, Filmato del prodotto
Lingue disponibili:
D, E
Versione:
2016
Numero:
914E
Specializzazioni:
Autofluorescende Diagnosis of Cancers of the Upper Aerodigestive Tract - Principles, Techniques and Results

Autofluorescende Diagnosis of Cancers of the Upper Aerodigestive Tract - Principles, Techniques and Results

Tipo di media:
Manuale da medico a medico
Lingue disponibili:
D, E
Versione:
0.3 08-2015
Numero:
96055051E
Specializzazioni:
ICG-Enhanced Fluorescence-Guided SLN Mapping in Gynecological Malignancies

ICG-Enhanced Fluorescence-Guided SLN Mapping in Gynecological Malignancies

Tipo di media:
Manuale da medico a medico
Lingue disponibili:
D, E
Versione:
1.5 03-2016
Numero:
96265001E
Specializzazioni:
Fluorescence Imaging
Highlights 2016 Imaging di fluorescenza - 4o trimestre

Highlights 2016 Imaging di fluorescenza - 4o trimestre

Tipo di media:
Brochure di marketing
Lingue disponibili:
D, E, ES, FR, IT
Versione:
1.0 10-2016
Numero:
96261009I
Specializzazioni:
Fluorescence Imaging
Il sistema vicino infrarosso di KARL STORZ (NIR/ICG) – Imaging NIR/ICG senza laser

Il sistema vicino infrarosso di KARL STORZ (NIR/ICG) – Imaging NIR/ICG senza laser

Tipo di media:
Volantino Commerciale
Lingue disponibili:
D, E, ES, FR, IT
Versione:
1.1 09-2016
Numero:
96261008I
Specializzazioni:
Fluorescence Imaging
Highlights 2016 Imaging di fluorescenza - 3o trimestre

Highlights 2016 Imaging di fluorescenza - 3o trimestre

Tipo di media:
Brochure di marketing
Lingue disponibili:
D, E, ES, FR, IT, PT
Versione:
1.0 07-2016
Numero:
96261007I
Specializzazioni:
Fluorescence Imaging
La serie E KARL STORZ: Design – Ergonomia – Efficienza

La serie E KARL STORZ: Design – Ergonomia – Efficienza

Tipo di media:
ENDOWORLD®
Lingue disponibili:
D, E, ES, FR, IT, PT, RU
Versione:
5.0 07-2016
Numero:
96212009I
Specializzazioni:
HAVe 1™

HAVe 1™

Tipo di media:
Brochure di marketing
Lingue disponibili:
D, E, ES, FR, IT
Versione:
2.3 04-2016
Numero:
96011026I
Specializzazioni:
IMAGE1 S – TC 200, TC 300, TC 301, TC 302

IMAGE1 S – TC 200, TC 300, TC 301, TC 302

Tipo di media:
Manuale Utente
Lingue disponibili:
D, E, ES, FR, IT, PT, RU
Versione:
2.0 09-2016
Numero:
96206286F
Specializzazioni:
Questo documento è disponibile solo per gli utenti registrati. Effettuare la registrazione.
Testa della camera IMAGE1 S H3-Z FI TH 102

Testa della camera IMAGE1 S H3-Z FI TH 102

Tipo di media:
Manuale Utente
Lingue disponibili:
D, E, ES, FR, IT, PT, RU
Versione:
2.0.0 10-2016
Numero:
96206520F
Specializzazioni:
Questo documento è disponibile solo per gli utenti registrati. Effettuare la registrazione.
Sistema di imaging in fluorescenza (FI) KARL STORZ

Sistema di imaging in fluorescenza (FI) KARL STORZ

Tipo di media:
Manuale Utente
Lingue disponibili:
D, E, ES, FR, IT, PT, RU
Versione:
1.2.1 10-2016
Numero:
96206144F
Specializzazioni:
Questo documento è disponibile solo per gli utenti registrati. Effettuare la registrazione.
HF cart SHORT-E 20020080, Mobile stand TROLL-E 20020081, Wall bracket MOUNT-E 20020082

HF cart SHORT-E 20020080, Mobile stand TROLL-E 20020081, Wall bracket MOUNT-E 20020082

Tipo di media:
Volantino di imballaggio
Lingue disponibili:
D, E, ES, FR, IT, PT, RU
Versione:
1.0.0 02-2012
Numero:
96206356D
Specializzazioni:
Questo documento è disponibile solo per gli utenti registrati. Effettuare la registrazione.
Sistemi ottici e sistemi ottici HOPKINS®

Sistemi ottici e sistemi ottici HOPKINS®

Tipo di media:
Manuale Utente
Lingue disponibili:
D, E, ES, FR, IT, PT, RU
Versione:
3.0 02-2016
Numero:
96216001F
Specializzazioni:
Questo documento è disponibile solo per gli utenti registrati. Effettuare la registrazione.

Clinical applications of indocyanine green (ICG) enhanced fluorescence in laparoscopic surgery

Medicina umana

Fluorescence Imaging

Boni L, David G, Mangano A, Dionigi G, Rausei S, Spampatti S, Cassinotti E, Fingerhut A

Surgical Endoscopy. 2014 Oct 11

A Comparison of Radiocolloid and Indocyanine GreenFluorescence Imaging, Sentinel Lymph Node Mapping in Patients with Cervical Cancer

Medicina umana

Fluorescence Imaging

Imboden S, Papadia A, Nauwerk M, McKinnon B, Kollmann Z, Mohr S, Lanz S, Mueller MD

Annals of Surgical Oncology. 2015 Jun 30.

Indocyanine green fluorescence endoscopy for visual differentiation of pituitary tumor from surrounding structures

Medicina umana

Fluorescence Imaging

Litvack ZN, Zada G, Laws ER Jr.

J Neurosurg. 2012 Feb 24.

Endoscopic ICG perfusion imaging for flap transplants: clinical results

Medicina umana

Fluorescence Imaging

Christian Betz

Head Neck Oncol. 2010; 2(Suppl 1): O15. Published online 2010 October 29. doi: 10.1186/1758-3284-2-S1-O15

Semi-quantitative Fluorescence Endoscopy with use of ICG

Medicina umana

Fluorescence Imaging

Hilmar Schachenmayr, Sven Zhorzel, Herbert Stepp, Ulrich Harréus und Christian Stephan Betz

World Congress on Medical Physics and Biomedical Engineering, September 7 - 12, 2009, Munich, Germany IFMBE Proceedings, 2009, Volume 25/6, 118-119, DOI: 10.1007/978-3-642-03906-5_32

Endoscopic measurements of free-flap perfusion in the head and neck region using red-excited Indocyanine Green: preliminary results

Medicina umana

Fluorescence Imaging

Betz CS, Zhorzel S, Schachenmayr H, Stepp H, Havel M, Siedek V, Leunig A, Matthias C, Hopper C, Harreus U.

J Plast Reconstr Aesthet Surg. 2009 Dec;62(12):1602-8. Epub 2008 Nov 25

Lymph node pathway visualization in real time by laparoscopic radioisotope- and fluorescence- guided sentinel lymph node dissection in prostate cancer staging

Medicina umana

Fluorescence Imaging

Jeschke, S., Lusuardi, L., Myatt, A., Hruby, S., Janetschek, G.

27th Annual Congress of the European Association of Urology Paris, February 27, 2012

IntraoperativeLaparoscopicFluorescenceGuidance to the Sentinel Lymph Node in Prostate Cancer Patients: Clinical Proof of Concept of an Integrated Functional Imaging Approach Using a Multimodal Tracer

Medicina umana

Fluorescence Imaging

Henk G. van der Poela, Tessa Buckleb, Oscar R. Brouwerb, Renato A. Valdés Olmosb, Fijs W.B. van Leeuwenb

European Urology Volume 60, Issue 4, October 2011, Pages 826–833

Die laparoskopische Fluoreszenzangiographie mit Indocyaningrün zur intraoperativen Beurteilung der Perfusion bei kolorektalen Anastomosen

Medicina umana

Fluorescence Imaging

T. Carus und H. Lienhard

Deutsche Gesellschaft für Chirurgie, 2009, Volume 38, Chirurgisches Forum und DGAV Forum 2009 , XXIII, 331-333, DOI: 10.1007/978-3-642-00625-8_120